giovedì 4 ottobre 2012

E non c'è modo di fuggire mai (Svegliami)

Una delle (tante) assurde sfaccettature della mia incapacità di alzarmi presto, al suono della sveglia (ma anche tardi, al suono della sveglia, diciamo che se la sveglia suona io non riesco comunque ad alzarmi) è che quelle poche volte che sono mattiniero ed esco di casa ad un orario antecedente le 8, mi accorgo che quel particolare momento della giornata mi garba tantissimo. La luce, l'odore dell'aria, le auto dei pendolari che -poracci- si sono svegliati mezzora almeno prima di me per essere in quello stesso istante lì dove sono io, il 12 fermo al semaforo pieno di studenti, il corridoio del piano terra della palazzina uffici ancora poco trafficato, Outlook che si apre e non mi notifica alcuna nuova e-mail.
E penso che dovrei riuscire più spesso, ad alzarmi con la sveglia, e magari fare anche colazione, ché mi piace pure fare colazione ma non la faccio mai, e magari mentre mangio i biscotti con il the mi si asciugano un po' meglio i capelli e non mi si arricciano al di sopra della nuca.

26 commenti:

  1. eh si, caro M hai proprio ragione
    peccato che ormai in sto mondo della mk entrare presto a lavoro non equivale più ad uscirne presto.
    e allora, se devo comunque rimanerci inchiodato fino alle 19/19.30 chi mk me lo fa fare di entrare alle 8?
    fila, no, il ragionamento?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No ma da me funziona diversamente, alle 16.15 la gente inizia a sfollare e dopo le 17.30 restano solo i dirigenti e i quadri e quelli che ci tengono e dopo le 18.30 al piano terra ci siamo solo il mio capo ed io, e la donna delle pulizie. Se entrassi presto in ufficio la mia vita sarebbe diversa.
      (il ragionamento fila in un'azienda normale, chiaramente)

      Elimina
  2. il the a colazione è roba da depravati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho bevuto latte per vent'anni, ad un certo punto non ce l'ho più fatta. Ci fosse un'alternativa, la percorrerei.

      Elimina
    2. beh c'è ORZOBIMBO, io lo prenderei in considerazione.

      Elimina
    3. Sono sempre stato dalla parte del latte e cacao, io.

      Elimina
  3. Devo concordare con polly 986.
    Se mi sveglio presto almeno faccio colazione, mi dovrò pur concedere qualcosa di piacevole all'alba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma a me il the piace, con gli oro saiwa è buono.

      Elimina
  4. Che poi, riuscendo ad alzarsi dal letto, tutto è più bello all'alba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranne la sveglia. E qui scatta il loop.

      Elimina
  5. E per me l'alba sono anche le 11 del mattino se sono appena sveglia.

    ecco ti ho intasato il post di commenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno li hai separati così ho potuto rispondere man mano.
      No, quando ti svegli tardi c'è lo sfasamento, il fuso orario con il mondo circostante.

      Elimina
  6. bah, per me vale la pena riuscire ad alzarsi presto solo se poi ci si può dedicare a se stessi...
    e io la colazione a casa riesco a farla solo se posso stare seduta a tavola almeno 45 minuti, sennò via di cappuccino tiepido e brioche al bar, 5 minuti cronometrati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guadagnare tempo il mattino significa allungare le giornate, quindi inevitabilmente avere più tempo disponibile (e il tempo non basta mai...).
      Il problema è la preparazione del the, con un bollitore ad accensione programmata sarebbe tutto più semplice. Aggiungere alla lista della spesa.

      Elimina
  7. idem per me, è davvero un bel mondo quello della mattina presto, io tra una cosa e l'altra me lo perdo quasi sempre. Pensa che ho scoperto che a torino la feltrinelli e la fnac sono aperte anche la mattina, cioè, prima delle dieci ci puoi già andare...è pazzesco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stamattina mi sono alzato prima delle dieci, per essere sabato è una grande conquista. Le giornate ti sembrano più lunghe, in definitiva è come se vivessi di più.
      E poi al mattino nei negozi c'è poco casino, te li godi che è una meraviglia.

      Elimina
  8. Per come la vedo io, che mi sveglio ogni mattina alle 6 (tranne il sabato e la domenica alle 7 e mezza), alzarsi prima è tutto quello che scrivi tu, l'odore frizzante dell'aria, ecc. ecc., ma soprattutto è sentirsi distrutti già alle 20 e voler andare a dormire alle 20.05 e la vera prova di resistenza è tenere duro fino alle 23:30.
    Il the con i biscotti è buono. Gli oro saiwa sono buoni, anche i granturchese e i gran cereale.
    Un bel the nero. Il più buono per me (senza fare troppa pubblicità) è quello nella scatola rossa.
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, il dovere/volere andare a letto alle due tutte le sere è l'incompatibilità principale con la sveglia mattutina.
      Ma intendi il the della stessa marca del dado o il the che si traduce con "the da colazione inglese"?

      Elimina
    2. The della stessa marca del dado. L'altro invece non mi piace.
      Sei un cultore del genere, vedo. Ti racconto una cosa: mi hanno portato del the nero da Harrod's una volta. E' veramente buonissimo ma molto più forte di quello che uso abitualmente. Mmi avevano raccomandato di usarne solo un cucchiaino, ma io ho abbondato e non ho dormito tutta la notte! Altro che caffeina!
      Quando vuoi possiamo confrontarci su marche (senza nominarle) di caffè e di camomilla ;)

      Elimina
    3. Io sono più verso l'altro, ne tengo sempre un paio di scatole diverse (dei tipi più comuni, ora ho quello rosso e quello nella scatola nera che si chiama come un tessuto). Quelli delle marche generaliste (quello del dado, quello di Dan Peterson) sono un'incognita per il formato della bustina, a me piace averle incartate una a una ma in certe confezioni te le ritrovi sciolte.
      Di camomilla ne so poco, sul caffè sono invece in fase di transizione, dopo anni di espresso sto bevendo ora quello della moka, ma ho in previsione l'acquisto di una macchinetta espresso mia. Dico solo che quello che fu di Pippo Baudo mi ha profondamente deluso.

      Elimina
    4. Beh, averle incartate una ad una in effetti è elegante e fa pregustare parecchio il momento. Parlo del mio tipo: nella confezione risparmio sono solo nella cartina bianca; nel pacco più piccolo soddisfano i tuoi standard.
      Il caffè, per me, per essere buono ed essere quello che sa di casa è solo moka. Mi permetto di suggerire quello che fu di Bonolis nella tipologia toni del tramonto.
      Di Pippo Baudo mai fidarsi, dice che li scopre tutti lui! :D

      Elimina
    5. Eh, ne possiamo parlare appena finisco le due scatole che ho in casa. Tipo tra 10-12 mesi, insomma.
      Io sono un fanatico dell'espresso invece, la moka non mi soddisfa pienamente. Prima di questo pacchetto ne avevo uno della marca da te citata, ma non ricordo bene in che variante. Era decisamente meglio, in ogni caso.

      Elimina
  9. L'aria ha un altro odore prima delle 8 di mattina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo. E l'aver abbandonato la sigaretta mattutina in auto (non andando più in ufficio in auto) aiuta a percepirlo meglio.

      Elimina
  10. ecco. riprendere a far colazione la mattina potrebbe essere il modo giusto per contrastare il mese del disagio

    gattaliquirizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vediamo domani come sarà l'incipit della settimana. Vuol dire praticamente tutto, quello.

      Elimina