mercoledì 18 aprile 2012

The Working Dead

Campanelli d'allarme da non sottovalutare, indicatori che forse stai lavorando troppo:

- Provare ad accedere al computer domestico con la password del pc dell'ufficio
- Passare tutta la notte inserendo dati in prospetto Excel, un sogno dopo l'altro, ed essere sempre e comunque in ritardo con le scadenze
- Trattenersi più a lungo sotto la doccia al mattino perché non si ha ancora finito di pianificare le attività del giorno
- Non accorgersi dei cambiamenti meteo nel corso di un pomeriggio, del passare delle ore, ignorare a che ora tramonta il sole la sera
- Sbagliare clamorosamente il conto delle ore giornaliere trascorse in azienda, togliendo un'ora dal totale, per poi accorgersene e pensare "Ecco perché sono un po' stanchino e ho gli occhi gonfi come un camaleonte"

(continua)

12 commenti:

  1. - Spegnere inconsciamente la sveglia e continuare a dormire sognando di prepararsi e di recarsi al lavoro (e quando ti accorgi che non è reale sei in un ritardo mostruoso! Non ti capita mai?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm, tipo... stamattina? Sono un abitudinario di questa deviazione.

      Elimina
  2. fossero tutte come te le risorse, il mio lavoro sarebbe moolto più facile

    un caro saluto dall'Uff del Personale.
    e sappi che mi sfugge il motivo per cui ancora ti ostini a tornare a casa dall'uffico la sera....

    p.s. il titolo è geniale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In un periodo di fiacca per i titoli, questa volta mi sono riempito d'orgoglio.
      Non ti consiglio di aver a che fare con un mucchio di ritardatari la mattina, che poi la sera mischiano recuperi e straordinario e ogni tanto infilano dei permessi random.
      Potrei evitare di tornare a casa, si, ma per fermarmi direttamente in città per le immancabili serate mondane infrasettimanali.

      Elimina
  3. Io rispondevo al telefono di casa con la voce professionale e la formuletta della redazione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io se rispondessi al telefono personale col tono che uso sul numero dell'ufficio perderei un sacco di amici.

      Elimina
  4. Io lavoro a casa dal pc di casa. E' impossibile accorgersi quando si sta lavorando troppo... Non c'è demarcazione. A parte quando arriva l'ora di cena e ti accorgi di non aver preparato la cena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggevo che la mancata separazione dell'orario di lavoro dal tempo libero è una delle principali fonti di stress. Del tipo che piuttosto, lavora pure 14 ore ma quando poi hai finito non deve più esistere nulla, comprese le e-mail lette da casa (uno dei peggiori elementi di ansia).

      Elimina
  5. "Pianificare le attività del giorno." E magari rispettarle?
    Ti invidio.

    MotherNature.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pianificare, non rispettare e trovare giustificazioni plausibili.
      È la storia della mia vita.

      Elimina
  6. Allora sei un collega.

    MotherNature

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono il Gran Mogol degli inconcludenti.

      Elimina